Menu

Avvalimento infragruppo e responsabilita' in solido

Avvalimento infragruppo e responsabilita' in solido

L’art. 89 d.lgs. n. 50/2016 non riproduce più, per il c.d. avvalimento infragruppo, le facilitazioni probatorie previste nell’art. 49, comma 2, lettera g), dell’abrogato d.lgs. n. 163/2006 che, in luogo del contratto di avvalimento, prevedeva la possibilità di presentare una dichiarazione sostitutiva, attestante il legame giuridico ed economico esistente nel gruppo.

Inoltre, sempre ai sensi dell’art. 89, comma 5, d.lgs. n. 50/2016, l’impresa concorrente e l’impresa ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti della stazione appaltante in relazione alle prestazioni oggetto del contratto, e la dichiarazione unilaterale della sola impresa concorrente non è ex se idonea a far sorgere obbligazioni in capo ad un soggetto terzo, sebbene facente parte dello stesso gruppo societario, ed in favore del dichiarante; né tanto meno, essa può produrre tale effetto nei confronti della pubblica Amministrazione (v. in tal senso, ex plurimis, Cons. Stato, Sez. IV, 16 febbraio 2012, n. 810).

Alla luce dei principi sinora esposti, il Consiglio di Stato, con sentenza n. 907 del 13 febbraio 2018, ha stabilito che l’aggiudicataria avrebbe dovuto essere esclusa dalla gara, dal momento che non risultava prodotto il relativo contratto di avvalimento, necessario anche negli avvalimenti infragruppo.

Si allega la sentenza in esame.

Consulta le nuove FAQ in tema di appalti pubblici

FAQ 1: Condizioni di estensione del contratto

FAQ 2: No al soccorso istruttorio in caso di omissione degli oneri di sicurezza

FAQ 3: Legittima la correzione dell'offerta economica da parte della Commissione

Centro Studi – Grizzaffi Management srl

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter:

clicca subito qui
Rimani sempre aggiornato sulle notizie del nostro portale, seguici sui sociali:

Facebook e Twitter

 

Torna in alto

SEZIONI

NOTIZIE

CHI SIAMO