Menu

Estensione del contratto non prevista nel bando di gara

Estensione del contratto non prevista nel bando di gara

Il TAR Cagliari, con sentenza n. 74 del 7 febbraio 2018, si è pronunciato sulla legittimità della prosecuzione di un contratto, non prevista nel bando di gara. In particolare. Il principio generale che deve essere affermato ed applicato è che l'operatore che partecipa alla gara pubblica deve essere posto in condizione di poter conoscere quali sono tutte le regole contrattuali.

Nel caso di specie, nessuna indicazione era contenuta in relazione alla possibile "futura estensione" della fornitura del servizio in favore della medesima azienda, e tanto meno in favore di altre.

Nonostante possa sussistere una giustificazione sia in termini di economicità del servizio, sia al fine di evitare procedure di gara per ottenere il medesimo affidamento del servizio, le regole nazionali e, ancor prima, comunitarie, in materia di contratti pubblici, impongono che gli operatori siano posti, nel competere, in una situazione di completa "par condicio".

Ciò che è ammesso, in materia di "estensione" dell'oggetto e dell'ambito del contratto, soggiace a tre specifiche limitazioni:

- la gara indetta, alla quale l'operatore partecipa, deve contemplare la possibilità, in futuro, di "estendere" il contratto, che verrà stipulato; con la partecipazione e la stipula l'aggiudicatario "aderisce" a questa futura ipotesi (in quello stadio ancora teorica e potenziale);

- inoltre è necessario che sia definito l'"oggetto" della prestazione, in modo da non rendere aleatoria la previsione; come tale deve essere identificato l'ambito della possibile estensione;

- occorre, comunque, che sia stato preventivamente determinato (elemento che deve essere conosciuto da tutti gli operatori potenzialmente partecipanti), con "quantificazione" del relativo corrispettivo "massimo", in ordine al quale l'aggiudicatario assume preventivamente l'impegno, definito in termini di "certezza" in ordine ai vari e diversificati aspetti .

In assenza dei predetti presupposti, l'estensione di contratto non è ammissibile.

Si allega la sentenza in esame.

Centro Studi – Grizzaffi Management srl

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter:

clicca subito qui
Rimani sempre aggiornato sulle notizie del nostro portale, seguici sui sociali:

Facebook e Twitter

Torna in alto

SEZIONI

NOTIZIE

CHI SIAMO