Menu

Definizioni

Codice dei contratti pubblici: Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 - Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE (G.U. n. 100 del 2 maggio 2006).

Decreto attuativo: D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 - Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE» (G.U. n. 288 del 10 dicembre 2010).

 

Contratti pubblici: sono i contratti di appalto o di concessione aventi per oggetto l'acquisizione di servizi, o di forniture, ovvero l'esecuzione di opere o lavori, posti in essere dalle stazioni appaltanti, dagli enti aggiudicatori, dai soggetti aggiudicatori.

Bando di gara: le stazioni appaltanti che intendono aggiudicare un appalto pubblico o un accordo quadro mediante procedura aperta, procedura ristretta, procedura negoziata con pubblicazione di un bando di gara, dialogo competitivo, rendono nota tale intenzione con un bando di gara.

Procedura aperta: procedura di gara in cui qualsiasi operatore economico può partecipare.

Procedura ristretta: la procedura ristretta è una procedura a cui ogni operatore economico può chiedere di partecipare e in cui soltanto gli operatori economici invitati dalle amministrazioni aggiudicatrici possono presentare un'offerta.

Procedura negoziata: la procedura negoziata è una procedura in cui le amministrazioni aggiudicatrici consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni dell’appalto.

Avviso di preinformazione:procedura in cui le stazioni appaltanti informano preliminarmente sul bando di prossima pubblicazione.

Dialogo competitivo: procedura utilizzata negli appalti particolarmente complessi, tale situazione può verificarsi, in particolare, per i grandi progetti di infrastrutture.

 

Avvalimento: Possibilitàdi usufruire dei requisitidi un altro soggetto in relazione ad una specifica gara di lavori, servizi, forniture al fine di soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico, organizzativo.

Raggruppamenti temporanei verticali: il raggruppamento di tipo verticale si configura come un raggruppamento di concorrenti in cui il mandatario esegue le prestazioni di servizi o di forniture indicate come principali anche in termini economici, mentre i mandanti eseguono quelle indicate come secondarie.

Raggruppamenti temporani orizzontali: il raggruppamento di tipo orizzontale si configura come un raggruppamento di concorrenti in cui gli operatori economici eseguono il medesimo tipo di prestazione.

Soggetti a cui possono essere affidati i contratti pubblici: possono partecipare

a) gli imprenditori individuali, anche artigiani, le società commerciali, le società cooperative;

b) i consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro costituiti a norma della legge 25 giugno 1909, n. 422 e del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n. 1577, e successive modificazioni, e i consorzi tra imprese artigiane di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443;

c) i consorzi stabili, costituiti anche in forma di società consortili ai sensi dell'articolo 2615-ter del codice civile, tra imprenditori individuali, anche artigiani, società commerciali, società cooperative di produzione e lavoro;

d) i raggruppamenti temporanei di concorrenti,;

e) i consorzi ordinari;

f) i soggetti che abbiano stipulato il contratto di gruppo europeo di interesse economico (GEIE) ai sensi del decreto legislativo 23 luglio 1991, n. 240;

f-bis) operatori economici stabiliti in altri Stati membri, costituiti conformemente alla legislazione vigente nei rispettivi Paesi.

 

Soglie dei contratti pubblici di rilevanza comunitaria:

a) 125.000 euro, per gli appalti pubblici di forniture e di servizi diversi da quelli di cui alla lettera b.2);

b) 193.000 euro,

b.1) per gli appalti pubblici di forniture e di servizi;

b.2) per gli appalti pubblici di servizi, aggiudicati da una qualsivoglia stazione appaltante;

c) 4.845.000 euro per gli appalti di lavori pubblici e per le concessioni di lavori pubblici.

 

Ultima modifica ilGiovedì, 10 Ottobre 2013 10:08
Torna in alto

SEZIONI

NOTIZIE

CHI SIAMO