Menu

Il criterio del prezzo più basso nei servizi ad alta ripetitività

Il criterio del prezzo più basso nei servizi ad alta ripetitività

Il TAR Genova, con sentenza n. 908 del 21 novembre 2018, si è pronunciato sulla portata del criterio del minor prezzo, nell'ambito dei servizi qualificabili caratterizzati da alta ripetitività. In particolare, nel caso in esame, veniva asserita l'illegittimità del predetto criterio di aggiudicazione, dovuto all'erronea qualificazione del servizio oggetto di gara quale servizio “ad elevata ripetitività".

Stando alla motivazione addotta dall’amministrazione, a sostegno della scelta operata in favore del criterio del minor prezzo, l’assegnazione sarebbe stata effettuata ai sensi dell’art. 95 comma 4 lett. c) del D.Lgs. n. 50/2016, ossia utilizzando il criterio del minor prezzo, in quanto trattavasi di servizio di importo inferiore alla soglia comunitaria e caratterizzato da alta ripetitività.

Ciò posto, il collegio ha chiarito come il rapporto introdotto, nell’ambito dell’art. 95, tra il comma 3 (casi di esclusivo utilizzo del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa) ed il comma 4 (casi di possibile utilizzo del criterio del minor prezzo, tra i quali v’è quello dei servizi ripetitivi), sia di specie a genere. Ove ricorrano le fattispecie di cui al comma 3 viene in considerazione, cioè, un obbligo “speciale” di adozione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, che, a differenza della ordinaria preferenza per tale criterio espressa in via generale dal codice, non ammette deroghe, nemmeno al ricorrere delle fattispecie di cui al comma 4, a prescindere dall’entità dello sforzo motivazionale dell’amministrazione.

Per quanto, poi, concerne il carattere dell'elevata ripetitività, è stato accertata l'inadeguatezza della motivazione addotta dalla stazione appaltante, sicché il ricorso al criterio di aggiudicazione del minor prezzo è stato giudicato nel caso di specie illegittimo, come dedotto con il secondo ed il quinto motivo di ricorso.

In conclusione, la scelta amministrativa di procedere all'aggiudicazione mediante il criterio del minor prezzo, stante l'elevata ripetitività del servizio, deve essere adeguatamente motivata, pena l’obbligo (per la stessa amministrazione) di rinnovare l'intera procedura di gara.

Si allega la sentenza in esame.

Centro Studi – Grizzaffi Management srl - Ediliziappalti.com

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter 

Clicca subito qui  

Rimani sempre aggiornato sulle notizie del nostro portale, seguici sui social 

Facebook e Twitter

Ultima modifica ilGiovedì, 06 Dicembre 2018 08:08
Torna in alto

SEZIONI

NOTIZIE

CHI SIAMO