Menu

Dialogo competitivo con un solo concorrente

Dialogo competitivo con un solo concorrente

Il TAR Palermo, con sentenza 2502 del 6 novembre 2017, si è pronunciato sulla legittimità dell'interruzione di una procedura di gara, dovuta alla mancanza di pluralità di operatori economici nell'ambito del dialogo competitivo, in quanto la circostanza era stata ritenuta lesiva della concorrenza. Innanzitutto, occorre premettere che gli operatori invitati a partecipare al dialogo competitivo sono chiamati ad individuare, in concerto con l’amministrazione aggiudicatrice, i “mezzi più idonei” a soddisfare le necessità delle stazioni appaltanti. L’istituto si fonda quindi su una strutturale flessibilità e su di un’ampia discrezionalità dell’amministrazione aggiudicatrice, sia perché viene rimessa unicamente ai concorrenti l’individuazione della “idoneità” delle soluzioni, sia perché - come chiarisce il comma 5 dell’art. 64 D.lgs. n. 50/2016 - durante il dialogo possono essere discussi “tutti gli aspetti” dell’appalto, a differenza di quanto previsto per la procedura competitiva con negoziazione di cui al precedente art. 62, sì da giungere in maniera progressiva alla definizione degli elementi essenziali dell’offerta e dunque del contratto. Non rileva, dunque, la modifica di aspetti essenziali indicati nella lex di gara, né si comprende come dalle modifiche ed integrazioni prospettate potrebbe discendere una lesione della concorrenza, visto che vi era di fatto un solo concorrente.

Secondo il Collegio, sebbene sia indubbio che il dialogo competitivo prediliga la presentazione di più offerte, perché è dalla pluralità di offerte in competizione tra loro che l’amministrazione ha modo di trovare la soluzione più idonea, tuttavia la presenza di un solo concorrente non è di per sè ostacolo alla prosecuzione del dialogo, né una tale preclusione era indicata nel bando. A ciò si aggiunge la complessiva insufficienza della motivazione posta a sostegno dell’interruzione della procedura. Per tutte le ragioni che precedono il ricorso in esame è stato accolto, con conseguente annullamento degli atti impugnati.

Si allega la sentenza in esame.

Centro Studi – Grizzaffi Management srl

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter:

clicca subito qui
Rimani sempre aggiornato sulle notizie del nostro portale, seguici sui sociali:

Facebook e Twitter

Torna in alto

SEZIONI

NOTIZIE

CHI SIAMO