Menu

Astaldi si aggiudica nuova costruzione ospedale in Cile

Astaldi si aggiudica nuova costruzione ospedale in Cile

Il contratto di costruzione da 140 milioni di euro è stato aggiudicato al gruppo Astaldi per la realizzazione del Nuovo Ospedale della città di Linares situata nella Regione del Maule  Linares, in Cile. Il Committente è il Ministero della Salute cileno e le opere saranno finanziate con fondi dello Stato.

Il Contratto prevede la progettazione e la costruzione di una nuova struttura sanitaria , la quale ospiterà 329 posti letto e 11 sale operatorie, su una superficie complessiva di 87.000 metri quadrati circa, suddivisi su un edificio di 8 piani, di cui uno in sotterraneo. Gli impianti saranno realizzati da NBI, Società del Gruppo Astaldi specializzata nell’impiantistica. La durata dei lavori è pari a poco più di 6 anni, con avvio della progettazione entro il 2017.

Con queste acquisizione,uno dei principali Contractor in Italia e tra i primi 25 a livello europeo nel settore delle costruzioni, in cui opera anche come promotore di iniziative in project financing, consolida ulteriormente la sua presenza in Cile. Sul territorio cileno il Gruppo opera da oltre 10 anni ed è attualmente impegnato nella realizzazione di due nuove strutture sanitarie (Ospedale Metropolitano Occidente di Santiago da 523 posti letto, di cui curerà anche la gestione e Ospedale Barros Luco Trudeau da 967 posti letto, recentemente acquisito), nonché nella realizzazione e gestione dell’Aeroporto Internazionale Arturo Merino Benítez di Santiago (capacità di trasporto pari a 30.000.000 passeggeri/anno) e nell’esecuzione dei progetti per la realizzazione dell’Osservatorio ELT di Cerro Armazones (il più grande telescopio ottico al mondo) e per l’espansione in sotterraneo della Miniera Chuquicamata (la miniera di rame a cielo aperto più grande al mondo).

Redazione - Ediliziappalti – Grizzaffi Management srl

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter:

clicca subito qui
Rimani sempre aggiornato sulle notizie del nostro portale, seguici sui sociali:

Facebook e Twitter

Torna in alto

SEZIONI

NOTIZIE

CHI SIAMO