Menu

La presenza di un solo concorrente non è di per sè ostacolo alla prosecuzione del dialogo competitivo

Sebbene sia indubbio che il dialogo competitivo prediliga la presentazione di più offerte, perché è dalla pluralità di offerte in competizione tra loro che l’amministrazione ha modo di trovare la soluzione più idonea, tuttavia la presenza di un solo concorrente non è di per sè ostacolo alla prosecuzione del dialogo. Centro Studi – Grizzaffi Management srl…
Leggi tutto...

Iscrizione camerale è requisito di partecipazione

Nell’impostazione del nuovo codice appalti, l’iscrizione camerale è assurta a requisito di idoneità professionale (art. 83, commi 1 lett. a) e 3, d.lgs. n. 50/2016), anteposto ai più specifici requisiti attestanti la capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria dei partecipanti alla gara, di cui alle successive lettere b) e c) del medesimo comma. Centro Studi – Grizzaffi Management…
Leggi tutto...

FAQ 2: Il divieto di commistione tra requisiti soggettivi ed oggettivi non è assoluto

Il divieto di commistione fra criteri soggettivi e oggettivi afferenti alla valutazione dell'offerta ai fini dell'aggiudicazione non può essere inteso in termini assoluti; esso infatti non risulta eluso o violato allorché gli aspetti organizzativi o le professionalità risultanti dal curriculum personale sono destinati a essere apprezzati quale garanzia della migliore prestazione del servizio (T.A.R. Toscana Firenze…
Leggi tutto...

FAQ 1: La mancata previsione di sub-pesi e sub-punteggi non è indice di indeterminatezza

Nelle gare di appalto da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la mancata previsione di sub-pesi e sub-punteggi per ciascun criterio di valutazione qualitativa dell’offerta non è indice di indeterminatezza dei criteri di valutazione, in quanto la scelta operata dall’amministrazione appaltante è espressione dell’ampia discrezionalità attribuitale dalla legge per meglio perseguire l’interesse pubblico.
Leggi tutto...

Annullamento dell'affidamento non comporta risarcimento del danno

In caso di annullamento dell'affidamento, dovuto al fatto che l’Amministrazione ha deciso di gestire direttamente il servizio, internalizzandone l’esercizio, l'azione risarcitoria per equivalente da perdita di chance resta, in ogni caso, preclusa dall’assorbente rilievo che l’impresa asseritamente danneggiata non può certo dimostrare, per il solo fatto di operare nel settore dell’appalto illegittimamente sottratto al mercato, di…
Leggi tutto...

SEZIONI

NOTIZIE

CHI SIAMO